Il budget per promuovere il tuo business. Quanto devo spendere?


Quando si decide di iniziare un’attività in proprio si deve pensare a tantissime cose. Non tanto a come fare effettivamente il lavoro, quanto a come trovare nuovi clienti. Ma qual è il budget che serve per promuovere il tuo business?

Trovare clienti è in assoluto la parte più importante, ma è anche la più difficile. In pratica è un altro lavoro che dobbiamo fare, per cui di solito non siamo preparati.

Da dove partire? Innanzitutto, secondo me, ci sono due macro canali attraverso i quali bisogna promuoversi: online e offline.

Promuoversi offline

Biglietti da visita

Ogni momento è buono per parlare di quello che fai, con chiunque e in qualunque posto.

Porta sempre con te una manciata di biglietti da visita, puoi crearli veramente con poco.

Ci sono delle tipografie online, come Flyeralarm e Pixartprinting, che ti permettono di realizzarli con un semplice editor (quindi anche se non sei un esperto di grafica puoi farlo). Inoltre puoi stamparli a prezzi veramente bassi.

Brochure

Anche avere una brochure in cui presentare più nel dettaglio quello che fai è importante. Per questa però ti serve un grafico (per la stampa puoi sempre rivolgerti alle tipografie online che ti ho linkato sopra).

Ovviamente se sei stretto con il budget, all’inizio puoi farne a meno. Prova ad informarti e a chiedere preventivi, potresti trovare qualcuno che ti fa un prezzo veramente buono, soprattutto se non hai fretta.

Network

La cosa più importante di tutte è avere (o costruire, se non ce l’hai) una rete di relazioni. Questa è la tua base, senza non vai da nessuna parte. Ho scritto un breve ebook con alcuni consigli su come costruirsi una rete di relazioni solida, la trovi qui.

 

Promuoversi online

Il web offre tantissimi strumenti per la promozione, la maggior parte gratuiti. Per questo, pubblicizzare il proprio business online non è dispendioso, è possibile a tutti raggiungere un discreto livello base. Ovvero, ad aprire un sito o una pagina Facebook sono tutti capaci. Ovviamente la differenza la fa come si usano questi strumenti.

Ma ora stiamo vedendo solo i mezzi, vedremo più in là come si usano nel modo migliore.

Sito

Il sito è casa tua, o meglio, il tuo ufficio. Hai bisogno di un posto in cui far arrivare tutte le persone che vengono in contatto con te da social, newsletter, etc… Non puoi fare a meno di un sito.

Ti assicuro (prova provata) che non deve essere necessariamente un sito bellissimo, con una grafica costosissima, che abbia mille funzionalità, perché quello che interessa a chi naviga sono i CONTENUTI.

Pensa a quando navighi tu e cerchi informazioni, se trovi un articolo interessante e che risponde esattamente a quello che hai digitato in Google, lo leggi, e magari lo commenti anche, anche se il sito non è bellissimo.

Deve essere funzionante, questo sì, le pagine devono caricarsi subito e le immagini devono essere in buona qualità.

Nei prossimi articoli vedremo le parti fondamentali di un buon sito.

Il costo? 40€ l’anno di dominio, più la spesa per fare il sito, che puoi evitare facendolo da solo, e ti assicuro che non è impossibile!

Facebook

Come potevo non inserire Facebook in questo elenco? Una pagina Facebook è fondamentale, devi crearla con il nome del tuo business, a cui, se sei un libero professionista, devi aggiungere il tuo nome e cognome per essere riconoscibile.

Una bella immagine di profilo con il tuo logo e una copertina che riassuma la tua vision, che faccia capire cosa fai, e poi basta solo far crescere i like! Non è per nulla facile, in realtà. Inizia con l’invitare i tuoi contatti a cliccare “Mi piace”, poi inizia a postare anche in gruppi inerenti al tuo business. Per fare il salto di qualità sicuramente dovrai fare qualche campagna di FB Ads, che però non ha cifre impossibili, puoi iniziare con spese di 15-20 €, per poi aumentare.

Google +

Anche aprire una pagina su G+ è importante, perché postare nel social di Google ci permette di indicizzare meglio i nostri articoli e quindi il nostro sito. Cerchiamo sempre gli hashtag giusti e aiuteremo il motore di ricerca a trovarci con più facilità.

Ecco, questo per iniziare a muovere i primi passi. Come costi, se decidi e puoi fare tutto da solo siamo a meno di 100, che possono salire in base a quello che decidi di far fare a dei professionisti.

Poi c’è il SEO, la NEWSLETTER, la GRAFICA… e chi più ne ha più ne metta!

Ma non ti preoccupare, piano piano, mattone dopo mattone, costruirai la tua macchina promozionale aumentando l’investimento in proporzione ai guadagni. Ricorda, però, che una parte di quello che guadagni va sempre reinvestita nel marketing o nella formazione.

 

Se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi articoli e ricevere l’ebook “5 passi per diventare un formatore professionista” in regalo, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *