Come creare un piano editoriale per la tua newsletter


Hai definito il tuo target e hai messo a fuoco gli obiettivi che vuoi raggiungere. Ora devi impostare il piano editoriale per le tue newsletter.

Devi iniziare a lavorare con lo spirito del brainstorming, ovvero scrivi su dei pezzi di carta tutte le idee che ti vengono in mente, anche quelle più assurde, anzi più assurde sono meglio è.

Ovviamente questa operazione viene meglio se ti fai aiutare da qualcuno che lavora con te, o, se lavori da solo, da qualcuno che ti è vicino e sa di cosa ti occupi.

Poi pensa, immedesimandoti nel tuo target, quali potrebbero essere gli argomenti più interessanti per chi ti legge.

Sarebbe bello creare più rubriche all’interno della stessa newsletter, diverse per tipologia, purché tu sia in grado di riempire questo spazio anche nelle prossime newsletter.

Ipotizza la frequenza di invio. Io consiglio sempre una volta al mese, a meno che tu non abbia comunicazioni settimanali da inviare. Crea in una file Excel, o in un altro tipo di file in cui creare tabelle, una griglia con le date di invio, i tioli delle vostre rubriche e i vari contenuti.

Di questo processo che ti ho descritto la cosa sicuramente più difficile è trovare cosa scrivere, ovvero la creazione dei contenuti.

Non è una cosa che si improvvisa, ti dovrai preparare con molto anticipo e studiare molto.

Innanzitutto, devi trovare gli argomenti di cui parlare. Cosa che può sembrare facile ma non è detto che lo sia sempre. Si presuppone che se tratti un argomento in particolare, ad esempio sei un life coach, un counselor o un formatore di temi business, sei appassionato dell’argomento che insegni. Quindi sarai in contatto con altri professionisti, frequenterai eventi del settore, leggerai libri che ti forniranno spunti, il tuo stesso lavoro te li darà.

Una volta che avrai trovato gli argomenti di cui parlare, cioè i titoli delle rubriche, devi fare un po’ di ricerca. Inizia con Google per trovare spunti interessanti, ma poi anche libri, riviste, i tuoi stessi clienti ti aiuteranno.

Mi raccomando, lavora anche graficamente la newsletter che deve anche essere piacevole anche da vedere non solo da leggere, magari anche inserendo qualche infografica (leggi anche Il potere delle infografiche)

Inizia facendo delle prove, monitora i risultati e aggiusta il tiro!

Se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi articoli e ricevere l’ebook “5 passi per diventare un formatore professionista” in regalo, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *