Come farsi pagare [ecco qualche trucchetto]


Come farsi pagare è una delle questioni più difficili da affrontare quando si inizia a lavorare in proprio. Ovviamente è fondamentale, perché altrimenti la nostra attività naufragherebbe. Per questo è necessario seguire alcuni passi.

Vediamo alcuni elementi che sono fondamentali per capire come farsi pagare e farla diventare una cosa naturale e non un incubo.

Mente

Spesso farsi pagare diventa un problema se è un problema per la nostra mente. Dobbiamo abbandonare l’idea che “non sia giusto essere pagati per quello che facciamo”. Sembra strano, ma spesso è un retro pensiero che a molte persone, non a tutte, viene.

Come si vince questa convinzione?

Chiarezza

Patti chiari, amicizia lunga. (Antico proverbio)

Si dice. Se si è chiari fin dall’inizio e entrambe le parti accettano gli accordi, essere pagati diventa una cosa normalissima.

Bisogna, innanzitutto, mettere tutto per iscritto. Immagina che parlando con qualcuno del tuo lavoro, questo ti dica “Interessante! Mi servirebbe proprio il tuo servizio”. Ottimo! Fatti lasciare la sua e-mail e mandagli nel giro di poco tempo una presentazione in cui parli di tutto quello che fai (non solo di quello di cui avete parlato), con relativi prezzi.

Se la risposta del possibile cliente sarà positiva, riscrivigli (ricorda, verba volant, scripta manent) e dagli le istruzioni precise su come avverrà il lavoro che ti ha commissionato. Modo di lavoro, tempi, consegna e…pagamento.

Anticipo

Devi scrivere i giorni precisi entro i quali devi essere pagato e la modalità. Inoltre per alcuni lavori, potresti anche chiedere un anticipo, soprattutto per lavori impegnativi.

Però attenzione, se sei proprio alla prime armi e non hai un grande portfolio lavori, è meglio non chiedere l’acconto. Potresti ispirare poca fiducia, soprattutto se il cliente non ti conosce.

 

Se allo scadere del tempo che hai dato per il pagamento i soldi ancora non si vedono, allora puoi inviare una e-mail o fare una chiamata, dicendo che vorresti informazioni sul pagamento.

Se il pagamento continua a non arrivare, devi fartene una ragione…

Però non ti demoralizzare, con il tempo e un po’ di esperienza, imparerai a capire meglio le persone e a fidarti solo di quelle giuste.

 

Se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi articoli e ricevere l’ebook “5 passi per diventare un formatore professionista” in regalo, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *