Come organizzare la giornata del tuo corso


Come organizzare la giornata del tuo corso? In questo articolo vedrai come strutturare i momenti di lezione e di pausa per far in modo che sia il più efficace possibile.

Strutturare la giornata del corso è importante tanto quanto creare una buona lezione. Per far in modo che le nozioni fluiscano nella maniera migliore è necessario pensare anche a come organizzare i vari momenti.

Devono esserci degli spazi dedicati alla lezione, altri alle pause, altri ancora alla vendita e alla promozione dei corsi successivi. Vediamo una possibile struttura utile per organizzare la giornata del tuo corso.

Come organizzare la giornata del tuo corso

Accoglienza 

Sarebbe meglio non iniziare prima della 9.00, considerando che almeno mezz’ora prima bisogna effettuare la registrazione dei partecipanti. 

Quando un partecipante arriva, oltre ad accoglierlo, è necessario consegnargli un badge (solo i corsisti sono molti e gli spazi sono ampi), il materiale creato (manuale, quaderno per gli appunti, penna,…), il programma della giornata, e tutto ciò che pensi sia necessario.

La lezione

Una volta che tutti hanno preso posto, puoi iniziare la lezione salutando e presentando ciò che andrai a spiegare. L’inizio deve essere vivace per bendisporre le persone che ascoltano (leggi anche 5 modi per mantenere alta l’attenzione). Ogni giornata deve essere composta di due parti (mattina e pomeriggio), divise a loro volta in due parti, spezzate da una pausa di un quarto d’ora. I momenti di lezione dovrebbero durare circa un’ora e mezza l’uno, in modo che l’attenzione non scenda mai eccessivamente.

Le pause

Sono momenti importanti per stringere relazioni, sia tra i partecipanti sia per te con loro, sarebbe perciò meglio organizzarli nella stessa struttura del corso. Soprattutto se hai altri corsi da vendere, quello è il momento, forse l’unico, per fare un po’ di promozione. A questo proposito, fai sempre in modo di avere in bella vista delle brochure degli altri tuoi prodotti (leggi anche Come realizzare una brochure efficace).

Fine del corso

Alla fine è sempre importante somministrare un questionario di gradimento (leggi anche Come scrivere un questionario di gradimento), utile sia per migliorare il tuo corso, per capire i tuoi punti di forza e debolezza, sia per raccogliere i dati dei tuoi corsisti se già non li avessi e rimanere in contatto con loro (leggi anche 3 azioni da compiere dopo il corso).

Ti è stato utile questo articolo?

Se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi articoli e ricevere l’ebook “5 passi per diventare un formatore professionista” in regalo, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *