Learning by doing: impara facendo


Learning by doing. Impariamo molto di più se associamo a ciò che stiamo studiando un’azione. In questo articolo voglio condividere alcune riflessioni su come si possa rendere più interattivo un corso di formazione.

I metodi tradizionali di apprendimento, come le lezioni frontali, portano pochi risultati, si sa. Molto più efficace è il corso se alle nozioni teoriche si affiancano esercizi pratici e simulazioni, secondo il metodo didattico del Learning by doing.

Come organizzare un corso pratico

Quando pianifichiamo un corso, creiamo una scaletta degli argomenti che sarà utile affrontare. Sarà anche comodo creare delle slide da proiettare (vedi anche Come creare una presentazione efficace) ma per ogni argomento sarà anche utile pensare degli esercizi che aiutino a memorizzare le nozioni.

Più questi esercizi coinvolgeranno tutto il corpo e i sensi, più saranno utili.

Come creare degli esercizi pratici?

Possiamo creare degli esercizi usando vari tipi di linguaggi, ad esempio far scorrere delle immagini o dei video per arrivare a dei concetti con una metodologia induttiva, oppure usare il corpo e il movimento.

Potremmo creare delle simulazioni che permettono di imparare risolvendo problemi reali o lavori di gruppo guidati durante il corso.

Cerchiamo comunque di ridurre al minimo i momenti in cui si trasferiscono nozioni puramente in maniera frontale, secondo la metodologia classica.

Risultati del Learning by doing

Il risultato che otterremo usando il metodo del Learning by doing sarà sicuramente un corso più soddisfacente, più interattivo, meno noioso e sicuramente più fruttifero per i partecipanti.

Se vuoi saperne di più sul teorizzatore del metodo Learning by doing, John Dewey, segui i link che ti lascio.

Un esercizio per te!

Non posso non lasciarti un esercizio da fare! Per inserire dei momenti pratici nel tuo corso, prova a seguire questi passi:

  1. Crea una scaletta degli argomenti che devi trattare
  2. Per ogni argomento importante pensa ad un esercizio esperienziale, ad esempio puoi creare delle simulazioni tra i partecipanti del corso, usare delle immagini o video per suscitare una discussione o una riflessione, organizza un lavoro di gruppo ponendo dei quesiti, dai un problema da risolvere,…
  3. Prova a pensare a 2/3 esercizi per ogni argomento e immedesimati nei partecipanti, quale potrebbe essere più utile e coinvolgente?

Ecco che hai reso il tuo corso vivo e dinamico! Se vuoi qualche consiglio specifico per il tuo campo puoi scrivermi a genio@geniodigitale.com
o lasciare un commento qui sotto.

Se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi articoli e ricevere l’ebook “5 passi per diventare un formatore professionista” in regalo, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *