Come realizzare una brochure efficace


In questo articolo ti mostro come realizzare una brochure efficace, le parti da cui deve essere formata e qualche strumento per realizzarla.

Avere una brochure da distribuire in ogni corso in cui sei relatore (Come organizzare il giorno del corso) è sicuramente un ottimo strumento per vendere i tuoi prodotti.

Ma come deve essere fatta una brochure? Da quali parti deve essere composta? Quanti font e colori devi usare?

Le parti di una brochure

Ecco le parti che devono essere presenti in una brochure efficace ed esaustiva

  1. Logo e payoff. Ovviamente in alto deve esserci il marchio che ti contraddistingue e che ti rende riconoscibile.
  2. Titolo del corso
  3. La filosofia del corso. Una breve descrizione del corso che metta in risalto le sue peculiarità
  4. I benefici. Un elenco puntato con tutti i benefici che il corso porta che dovrebbero spingere le persone a partecipare. Devono essere scritti pensando al tuo target, quali sono i problemi che vuole risolvere. E’ sicuramente la parte più delicata e quella a cui devi dedicare maggior tempo.
  5. Programma. Come funziona il corso, un tabella di orari se ce l’hai, o comunque una descrizione di come il workshop si svolge.
  6. Materiali. L’elenco dei materiali che fornirai durante il corso (ovviamente questa parte la inserirai solo se ci sono), come quaderni, penne (meglio se brandizzate) e manuali da te creati
  7. Testimonianze. Brevi frasi tratte da testimonianze di persone che hanno già partecipato al corso, in cui dicono quanto sia stato utile. Se non hai ancora mai realizzato il corso, puoi mettere testimonianze su te come docente, o feedback generici di altri corsi che hai fatto. Se non hai mai fatto corsi in vita tua e questo è il primo puoi mettere testimonianze su quanto siano stati utili corsi di questo genere a te e a persone a te vicine (senza mettere riferimenti a corsi specifici), oppure saltare questa parte.
  8. Una tua breve bio. Ovviamente devi mettere una bella foto e un breve testo in cui scrivi solo ciò che ti dà autorità come docente.
  9. Contatti. Devi inserire tutti i tuoi contatti, quindi sito, telefono, email e social.
  10. Le date. Inserire le date in una brochure cartacea è impossibile perché dovresti stamparla molto spesso, oltre al fatto che non potresti cambiarle, però potresti inserire un foglio a parte, non è molto bello ma è funzionale.

I colori

I colori non devono essere molti, dovrebbero riprendere quelli del tuo logo e quelli del logo del workshop se ce l’hai. Comunque massimo due, uno, quello principale da usare per i titoli e le parti del testo da mettere in evidenza, un altro, per gli elementi secondari come riquadri, piccoli riempimenti, etc…

Inoltre, il colore di sfondo deve essere neutro, puoi usare qualche pattern leggerissimo per dare un po’ di movimento. Mentre il colore del font deve essere ben visibile rispetto al background in modo che la leggibilità non sia compromessa.

I font

I font dovrebbero essere al massimo due, uno per i titoli e uno per il testo, entrambi ben leggibili e semplici.

Immagini

Alterna il testo con delle foto, meglio se foto di tuoi precedenti corsi, oppure prese altrove, ma attento che siano foto senza diritti o che andrai ad acquistare. Devono essere sempre foto di alta qualità.

Strumenti

Creare una brochure da soli non è facile, però se non hai troppe pretese puoi provare con il sito Flyeralarm in cui hai un editor per crearla e puoi mandarla in stampa direttamente tramite il sito. Altrimenti ti conviene investire in qualcuno che sappia farle.

 

Se vuoi rimanere aggiornato sui prossimi articoli e ricevere l’ebook “5 passi per diventare un formatore professionista” in regalo, ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *